Tu sei qui

Il Trauma
angela bianco

Il trauma

Il trauma

IL TRAUMA.

 

Il trauma è conseguenza di un evento doloroso, improvviso, destrutturante che interrompe il flusso della nostra esistenza e ci mette in contatto con il dolore, con la morte, con la violenza.

Traumi tipici sono l'abuso, la violenza sessuale, il bullismo, la violenza domestica, il lutto, la malattia, gli incidenti, la violenza verbale, fisica, o la sua minaccia, altre violazioni o perdite di sicurezze personali.

Anche l’assistere a questi fatti può costituire un evento traumatico (si parla in questo caso di "vittime secondarie", o anche di vittime "terziarie" nel caso dei soccorritori che assistono le vittime primarie).

Ci sono poi i "traumi cumulativi", definiti come tali originariamente dallo psicoanalista Masud Khan: lutti precoci, relazioni dolorose nell'infanzia, malattie più o meno invalidanti dei genitori o proprie, fallimenti professionali, delusioni amorose, ecc

Secondo Khan, il trauma cumulativo ha le sue origini nel periodo di sviluppo in cui il bambino necessita della madre e la usa come proprio schermo protettivo. Qualsiasi disturbo nella delicata interazione dei fattori individuali e ambientali durante questo periodo può diventare traumatico.

Tali tipi di traumi sono attualmente definiti, nella nosografia, come "traumi di tipo 2" (riservando la definizione di "trauma di tipo 1" agli eventi traumatici "singoli": incidenti unici, eventi critici isolati, forti, ecc.)

Il trauma se violento può dar origine al Disturbo Post Traumatico da Stress che è l'insieme delle forti sofferenze psicologiche che conseguono ad un evento traumatico, catastrofico o violento. I sintomi di tale disturbo sono:

Flashback: un vissuto intrusivo dell'evento che si propone alla coscienza, "ripetendo" il ricordo dell'evento.

Numbing: uno stato di coscienza simile allo stordimento ed alla confusione.

Evitamento: la tendenza ad evitare tutto ciò che ricordi in qualche modo, o che sia riconducibile, all'esperienza traumatica (anche indirettamente o solo simbolicamente).

Incubi: che possono far rivivere l'esperienza traumatica durante il sonno, in maniera molto vivida.

Hyperarousal: caratterizzato da insonnia, irritabilità, ansia, aggressività e tensione generalizzate.

In alcuni casi, la persona colpita cerca "sollievo" (spesso peggiorando la situazione) con abusi di:

alcool, droga, farmaci e/o psicofarmaci.

Il PTSD è il risultato di una scarsa elaborazione del trauma, che rimane vivido e presente nella memoria a causa anche delle connotazioni negative che una persona si attribuisce quando ripensa al trauma.

Solitamente, come afferma Shapiro, si associa all'evento traumatico non elaborato una serie di pensieri disfunzionali del tipo: "sono impotente" , "non ho il controllo delle situazioni", "è stata colpa mia", "sono uno stupido", "non sono degno di essere amato", "non valgo", "sono una cattiva persona" ...ecc

La stranezza del caso è che solitamente tali attribuzioni vengono date verso eventi di cui non si poteva essere responsabili, o averne il controllo totale (tipo incidenti, terremoti, violenze sessuali, litigi fra altre persone...). Queste "cognizioni negative" vanno però ad influenzare la stima che si ha di sé, la fiducia nelle relazioni e la vita intera poiché molti eventi vengono filtrate da loro.

Ad esempio dopo un incidente ci si può ritrovare ad essere troppo apprensivi con i propri figli e verso sé stessi evitando qualsiasi pericolo e angosciandosi per un nonnulla poiché scatta subito lo schema di "io sono impotente". Oppure dopo aver sperimentato un lutto o un abbandono, verranno messe in atto misure disperate per evitare un abbandono reale od immaginario (ciò è tipico delle personalità borderline, infatti il Disturbo Borderline di Personalità è da molti inteso anche come il risultato di abbandoni e piccoli o grandi traumi avvenuti durante l'infanzia) .

Tali angosce derivate da un evento traumatico oltre che influenzare la propria vita, vengono poi anche trasmesse da generazione in generazione, generando così una "trasmissione transgenerazionale" del trauma. Da ciò ne consegue che il trauma se non rielaborato, può essere trasmesso generando problemi che possono coinvolgere diverse generazioni.

Qui nasce anche la necessità di intervenire sul trauma: sia per non sperimentare più sensazioni angosciose, di allerta e cognizioni negative su di sé, sia per evitare un ulteriore "trasmissione transgenerazionale" del trauma stesso. La rielaborazione del trauma permette di integrare l'evento in una prospettiva più razionale, più funzionale, sostituendo i pensieri negativi con attribuzioni positive su di sé (tipo: sono stata coraggiosa, posso farcela, sono una brava persona, posso essere amato...ecc)

Dopo il superamento del trauma, percorso a volte anche doloroso, i cambiamenti possono essere molteplici e si può sperimentare una sensazione di benessere che può migliorare la relazione che abbiamo con noi e con gli altri.

 

BIBLIOGRAFIA

Ardino, V. (a cura di), Il Disturbo Post-traumatico nello sviluppo. Milano, Unicopli,2009

Balsamo M.,L'Altro che è in noi. Una riflessione sul transgenerazionale, Interazioni,. Roma: Franco Angeli, 1/1994.

Bremmer, J.D., Southwick , S.M., Darnell, A., Charney, D.S., Etiological factors in the development posttraumatic stress disorder, in Mazure, C.M., Does stress cause psychiatric illness?, Washington, Dc, American Psychiatric Press, 1996.

Khan M., The Privacy of the Self, Hogart Press, London 1974. trad.it. Il concetto di trauma cumulativo in Lo spazio privato del sé, Bollati Boringhieri, Torino 1979.

Maslovaric G.,Fernandez I., Veniero Galvagni M., Traumi psicologici ferite, dell'anima, Napoli, Liguori Editore, 2011.

Shapiro F., Fernandez I., (a cura di), EMDR Desensibilizzazione e rielaborazione attraverso movimenti oculari, Mc graw and Hill, 2000

Shapiro F., Maccarrone B. (a cura di), Lasciare il passato nel passato, Roma, Astrolabio Ubaldini, 2013.

Chi siamo

Chi siamo

  
Attività

Attività

  
Articoli

Articoli

  
Contenuti

Contenuti

  

Condividi sui tuoi Social:



,
()

Calendario

Corso base di Autostima

FUMO E DIPENDENZE: USO TERAPEUTICO DELL'IPNOSI CLINICA

L’IPNOSI NEL TRATTAMENTO DEL FUMO E DELLE DIPENDENZE

Un laboratorio esperenziale

L’immaginario e il simbolico nei DCA - ECM 17.4

Il disagio degli anziani e dei familiari

Disturbi psichiatrici comuni e sottosoglia: utilizzo possibile dell'ipnosi - ECM 17.4

Amore non fa rima con dolore

Corso di Training Autogeno

Gioco d'Azzardo Patologico (GAP)

Un caso in corso di trattamento col metodo dell'uso delle immagini d'arte

Trattamento di un caso

Corso sull'accompagnamento alla gravidanza e preparazione al parto in Ipnosi

Corso Disturbi Psichiatrici Comuni e Sotto Soglia Possibile utilizzo dell’Ipnosi clinica (IC)

IV Convegno Immagine-Emozione

Laboratorio di musicoterapia

Corso di psicoterapia neo-Ericksoniana e Ipnosi Clinica

Teatro della spontaneità

La Fiaba. Un racconto antico, una terapia moderna?

Corso Fumo e Dipendenze. Uso terapeutico dell’Ipnosi Clinica

Corso sull’ipnosi in gravidanza e parto

Seminario base sulle applicazioni dell'ipnosi in campo medico-assisteziale

III Convegno Immagine Emozione IL CORPO DELLA VERGOGNA

4° SEMINARIO della COMUNICAZIONE

Seminario di Costellazioni Familiari

Rilassamento profondo guidato

Laboratorio le immagini dell'immaginario

Il Risveglio del Corpo

SEMINARIO DI SESSUOLOGIA

Corso di Massaggio Infantile

Fobia, affettività e desideri repressi

Corso di Psicoterapia Neo-Ericksoniana ed Ipnosi Clinica

 

Quoziente Emotivo

© Associazione Culturale QE Academy • Sede legale Via Ruggi Giuseppe 10 • 40137 Bologna (BO) • C.F. e P. iva C.F. 91385130371 • Tutti i diritti riservati